Vogliamo lo zero netto: Vanillaplan è ora neutrale dal punto di vista climatico

Dal calcolo iniziale della nostra impronta di carbonio alla compensazione finale di tutte le nostre emissioni attraverso un progetto certificato di protezione del clima - insieme all'organizzazione per la protezione del clima ClimatePartner, abbiamo seguito tutti i passaggi per compensare completamente le nostre emissioni aziendali. Perché per noi è importante operare in modo sostenibile.

Determinare l'impronta di carbonio aziendale, ridurre le emissioni in modo mirato e compensare l'inevitabile attraverso progetti di protezione del clima: ecco come si può riassumere la strategia di protezione del clima di ClimatePartner. Questo approccio olistico ci ha convinto. E dopo tutte le misure di riduzione, ci siamo ritrovati con 8288 chilogrammi di emissioni compensate e un progetto di protezione del clima che promuove l'espansione delle energie rinnovabili in Asia. Ma facciamo un passo alla volta.

Insieme a ClimatePartner: la nostra strategia di protezione del clima in cinque passi

Fase 1: determinare l'impronta di carbonio aziendale

Il primo passo è stato, ovviamente, quello di mettere sul tavolo i fatti. Per farlo, abbiamo determinato la nostra impronta di carbonio aziendale (CCF) in una prima fase. Questa indica la quantità di emissioni totali causate da Vanillaplan da gennaio a dicembre 2022. Per questa procedura, ClimatePartner fornisce uno speciale software basato su cloud attraverso il quale abbiamo potuto inserire i nostri dati. Secondo il Protocollo sui gas serra, le fonti di emissione sono suddivise in Scope 1, Scope 2 e Scope 3.

A questo punto, un po' di nozioni di base:

L'Ambito 1 comprende tutte le emissioni generate direttamente, l'Ambito 2 tutte le emissioni indirette dovute all'acquisto di energia, ad esempio il consumo di elettricità. L'ambito 3 si riferisce alle emissioni causate indirettamente dalle attività dell'azienda lungo la catena del valore, come i viaggi di lavoro o gli spostamenti dei dipendenti.

Una volta inseriti tutti i dati, questi sono stati convertiti in equivalenti di CO2, in modo da avere una buona panoramica del livello delle nostre emissioni e dell'ambito a cui possono essere assegnate. Poiché avevamo in mente il nostro bilancio di CO2 fin dall'inizio, il livello delle nostre emissioni è stato relativamente moderato:

Con lo 0,3%, la quota di emissioni generate direttamente nel nostro bilancio complessivo di CO2 è molto bassa - dopo tutto, non abbiamo quasi nessuna emissione diretta di produzione.

Le emissioni indirette, pari a poco meno di un terzo, rappresentano una quota significativamente maggiore. Ciò è dovuto principalmente al riscaldamento dei nostri uffici, anche se in inverno indossiamo maglioni spessi per andare in ufficio.

Con poco meno del 70%, le emissioni causate lungo la catena del valore sono chiaramente le più significative per noi. Poiché siamo un'azienda informatica e gestiamo il marketing e le vendite prevalentemente online, i dispositivi elettronici e le emissioni energetiche a monte sono un fattore importante per noi. Anche se tutti raggiungiamo l'ufficio con i mezzi pubblici, a piedi, in bicicletta o in Vespa, l'home office è un concetto consolidato e i viaggi di lavoro sono un'eccezione, gli spostamenti del nostro team e le occasionali visite agli eventi fanno la differenza.

Fasi 2 e 3: fissare obiettivi di riduzione e attuare le riduzioni

Ora che le mappe erano aperte, era il momento di agire: Poiché ora sapevamo dove si trovavano i punti caldi e gli elementi nascosti delle nostre emissioni, siamo stati in grado di pensare in modo specifico alle possibilità di miglioramento. Abbiamo colto l'occasione per scambiare idee all'interno del team e per cercare insieme degli approcci.

Fase 4: Bilanciare il bilancio di CO2: Finanziare i progetti di protezione del clima

Fino a questo punto, tutte le considerazioni sono state incentrate sulla riduzione delle emissioni attraverso misure di riduzione all'interno dell'azienda stessa. Naturalmente, nonostante gli sforzi, non è possibile eliminarle completamente. Ecco perché investire in progetti certificati di protezione del clima è un'opzione sostenibile.

I progetti di protezione del clima perseguono l'obiettivo di ridurre, evitare o limitare i gas a effetto serra; si va dall'espansione delle energie rinnovabili alla protezione delle foreste e alla riforestazione, fino a progetti di impatto sociale come stufe da cucina o acqua potabile pulita. L'idea è quella di compensare le emissioni irriducibili delle aziende investendo nella protezione del clima, mitigando così il cambiamento climatico in altri ambiti. I progetti di protezione del clima mirano a consentire processi di trasformazione verso tecnologie più sostenibili nei Paesi del progetto, che spesso hanno essi stessi una bassa impronta di carbonio, che altrimenti non sarebbero possibili a causa della mancanza di risorse finanziarie, know-how e infrastrutture.

In ClimatePartner, tutti i progetti di protezione del clima sono certificati secondo standard internazionali come il Verified Carbon Standard (lo standard più diffuso al mondo per la riduzione delle emissioni) o il Gold Standard (fondato dal WWF e da altre ONG internazionali). Sono verificati da terze parti indipendenti, che garantiscono l'effetto di protezione del clima e assicurano che il contributo alla riduzione di CO2 nell'atmosfera possa essere effettivamente misurato in modo chiaro.

Da un portafoglio di circa 400 progetti, abbiamo scelto un progetto per l'espansione delle energie rinnovabili in Asia. Essendo un continente che ospita ben oltre la metà della popolazione mondiale, l'uso delle energie rinnovabili è una questione cruciale. Per questo motivo, in diversi Paesi asiatici vengono sostenuti progetti di energia eolica, solare, idroelettrica e di biogas e biomassa.

Fase 5: Comunicare la protezione del clima in modo trasparente

Fidarsi è bene, controllare è meglio: per garantire che anche gli esterni possano seguire gli investimenti in misure di protezione del clima, tutte le informazioni sui progetti climatici sostenuti possono essere visualizzate con l'aiuto di un numero identificativo univoco con URL di tracciamento. Dalla quantità totale di emissioni compensate alla tecnologia del progetto, è possibile farsi un'idea della strategia di protezione del clima.

Non esitate a dare un'occhiata al nostro progetto, lo trovate all'indirizzo: /tracking/24076-2307-1001/de